Anche questa volta Nadège Vanhee ha riconfermata lo stile Hermes, di Hermes ce n’è uno solo. Una donna che si distingue per la raffinatezza di apprezzare i piccoli dettagli, le lavorazioni artigianali, la leggerezza visiva di un’eleganza che si oppone a quella edonistica di Balmain. Quello di Hermes è un lusso silenzioso, ma allo stesso tempo prezioso per i materiali che hanno fatto la sua storia, prima fra tutti la pelle. Questo brand non ama invadere altri campi al di fuori del suo target clienti, ma preferisce soddisfarli rendendo attuali le sue proposte, con nuove combinazioni, trasparenze impercettibili, colori sobri, il più forte è stato il color mattone. I suoi più di 11 miliardi di fatturato sono frutto della costanza di non deludere i clienti affiliati perché questi conoscono molto bene cosa stanno comprando e, come le borse di Hermes, lo stile dell’abbigliamento non ha una scadenza. Si potrebbe dire che Nadège Vanhee non abbia coraggio di osare, io invece penso che ha molto coraggio a perseguire la sua strada senza fare rumore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *